Venezia piange quando Bologna è vuota

Alle ore 14 e diciotto il primo raggio di sole colpisce la mia terrazza ed è quello il momento che aspetto nella giornata: sposto la poltrona ikea (benedetto il giorno in cui l’ho comprata) fuori e lavoro, sonnecchio, faccio le chiacchiere con i vicini. 

Miss Tintarella, al piano di sopra, si stende con il suo lettino da mare: lei ha una casa a Rimini e così comincia a sentire la gara dell’abbronzatura farsi più pressante, man mano che la stagione avanza e alla casa al mare non ci può andare. 

La signora Luisa, di fianco, ogni tanto esce a stendere e ne approfitta per fare due chiacchiere, la signora Giulia – la veterana novantenne del palazzo – a quell’ora dorme ma poi si affaccia e approfitta di qualche boccone di compagnia. Continua a leggere

Mentuccia e favole al telefono, anzi su skype

La mia cosa bella di oggi, qui a AngoloB, è una piantina di menta dell’anno scorso che sta spuntando nuova, nuova: per una che fa morire anche le piante finte, questa è una specie di laurea in giardinaggio. Ho fatto una foto e l’ho regalata alla mia migliore amica, a Padova, ma volevo mostrarla anche qui che magari tra voi che leggete c’è un naso fino, fino, di quelli che hanno trovato il modo e la magia di sentire il profumo dei bit. 

La mia mentuccia, mi sono detta, non mente, ammanta, mentore di speranza: adesso devo solo stare molto attenta a non morirla di troppa acqua e amore. Per fortuna accanto a lei c’è il mio nano guardiano che pisola quando non ci sono ma adesso fa doppio lavoro che sono sempre qui e bada alla mia casa e a me e alla mia bambina che bambina più non è. 

Ma la cosa più bella di oggi siamo Lui e io che ceniamo su skype e ci leggiamo Gianni Rodari a distanza: sono le nostre favole al telefono, anzi su skype. Una leggo io, una la legge Lui: il nostro modo di farci le coccole a distanza, di stare accanto e di sostenerci. Continua a leggere

Le cronache di Starshollow sul Reno

Quando sono venuta a vivere qui tra l’acqua e le colline di Casalecchio di Reno, ho dovuto abituarmi a un nuovo modo di stare in casa.

Vivo in un interno di una strada interna e il mio appartamento affaccia su giardini confinanti di vecchie case basse, cortili che la gente vive e terrazze che si affacciano l’una sull’altra.

Per un po’ mi sono sentita “in piazza” perché è un continuo vociare, chiacchiere, giochi di carte e persone che vivono vicine da almeno 40 anni. Ricordo una sera dell’estate 2019 che stavo facendo le pulizie con la finestra spalancata, ho starnutito e miei vicini in cortile durante l’ennesima partita a Burraco tra di loro, mi hanno urlato un SALUTE! che temevo di trovarmeli in casa. Continua a leggere