La Magda e i gatti – V puntata

Se ti piace, condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Panzallaria è tornata dalle vacanze. In sua assenza l’amica Bì ha presidiato il Condominio. Nulla da segnalare.

Tranne l’ennesimo attacco di razzismo di Magda: la vecchia vicina ubriacona e amante degli animali.

I bimbi dei vicini hanno portato i gatti in cortile. Sono bambini biondi, con gli occhi azzurri e l’accento slavo – che non sono mica italiani.

Hanno due gattini bellissimi. Loro sono allegri, simpatici e per nulla maleducati.
Anche Panzallaria, ogni tanto, porta i suoi gatti a scorazzare in cortile. In quella occasione la Magda si affaccia alla finestra – con finta noncuranza – e attacca bottoni incredibili a Panzallaria.

Loda i suoi gatti, racconta di quando il medico le disse che “tutte le donne nascono madri ma poche sono mamme e lei – signora Magda – è proprio un peccato non abbia fatto figli!” e autoincensa il suo amore per gli animali che la paragona a una novella San Francesco.

Nel discorso non evita di infilarci dentro qualche pettegolezzo sul condominio, mal celato da futile considerazione senza fini malvagi.

Ma quando escono i bimbi esotici è tutta un’altra storia.
Lei si affaccia al terrazzino con i suoi bigodini e la vestaglia rosa e comincia una sommessa litania che ha qualcosa di rabbiosamente orrendo.

“Guarda qui come rovinano le piante questi gatti. E voi, piccoli maleducati perché non ve ne tornate nel vostro paese invece di venire in Italia a rubarci il lavoro?”
“Io chiamo l’amministratore che non è possibile che quegli animalacci si facciano le unghie sui nostri alberi; io abito qui da 6o anni (in effetti la Magda sta nel condominio da quando era bambina) e non ho mai visto cose del genere!”

Tutta questa eruzione di cattiveria nei confronti di tre creature di 12 e 13 anni.
Purtroppo non ho sentito questi simpatici commenti se no sarei intervenuta. Me li ha raccontati Mamma Esotica.

La prossima volta scenderò con i miei gatti insieme ai vicini. Vediamo se Magda si sente più San Francesco, mamma o ignorantona razzista…

Per la cronaca: si narra che Magda – da giovane – facesse la vita. A 16 anni si nascondeva nelle cantine con tutti i giovani virgulti del palazzo. Si sa, c’era la fame e ognuno si arrangiava come poteva, ma pare che le famose prestazioni della bionda avessero non solo un listino prezzi ma che i pagamenti fossero vigilati dalla prestanza fisica del Gelataiomatto che si prendeva la percentuale…

Insomma: di certo non erano maleducati come i bimbi esotici però….

COMMENTA CON FACEBOOK
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *