Importa davvero conoscere il genere di una persona per amarla?

Se ti piace, condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A Nina importa davvero sapere se Sasha è maschio o femmina o le basta quel sentimento che sente crescere?

Poche pagine e te lo chiedi anche tu, lettore, insieme alla protagonista dell’ultimo libro di Giorgia Vezzoli, Ti amo in tutti i generi del mondo, Edizioni Giraldi. 

Quello di Giorgia è un romanzo che lentamente ti conduce in una storia in cui, novità editoriale assoluta, uno dei protagonisti è di genere non definibile. 

Dubbi, inquietudine e molte sfumature di sentimenti si alternano nella giovane Nina: li racconta in un diario attraverso il quale si dispiega la trama – divertente e condita di qualche equivoco – della storia. 

Ti amo in tutti i generi del mondo è un libro che scorre, dal ritmo potente: colpisce la prosa accurata in cui ogni parola ha un significato preciso e per parlare di Sasha si alterna il maschile al femminile, senza che questo renda macchinosa la sintassi. 

Un libro che fa riflettere sulle nostre convinzioni, sui legacci mentali che ognuno di noi ha, senza rendersene conto.

Sasha conturba e molto, chi legge.

Sasha turba le nostre certezze e quelle di Nina. 

Un libro che esplora un tema emergente, quello dei tanti generi e sfumature delle persone. 

Dopo il romanzo per bambini Mi piace Spiderman e allora? Giorgia torna alla grande in libreria. Leggetela. Ne vale davvero la pena. Vi divertirete e farete domande: due motivi per dichiarare la bontà di un libro, almeno per me. 

COMMENTA CON FACEBOOK
2 commenti
  1. Ned
    Ned dice:

    che tu sia eterosessuale, omosessuale o bisessuale il corpo della persona amata, l’attrazione fisica e sessuale conta e conta anche l’identità di genere e il fisico della persona che amiamo chi è eterosessuale non è attratto da una persona del suo stesso sesso o genere, chi è gay non è attratto da una persona di sesso e/o genere opposto, chi è bisessuale è attratto e si innamora sia di uomini sia di donne. Le identità di genere a cui la grande maggioranza di noi appartiene è uomo o donna (cisgender nella maggioranza dei casi, transgender nei casi n cui l’identtà di genere è opposta al sesso biologico) ma ci sono infiniti modi di essere uomo o donna e di esprimerlo nel look, modi più frequenti statisticamente e meno frequenti ma tutti legittimi e genuini. Una donna coi capelli cortissimi è donna, libera e autentica come una coi capelli lunghi, l’identità di genere non è definita dal look

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *